Arturo Crugliano Pantisano sei ancora Renziano?

Arturo Crugliano Pantisano e Matteo Renzi
Arturo Crugliano Pantisano e Matteo Renzi

Qualche domanda da Stanchi dei Soliti al presidente del consiglio di Crotone

Inutile commentare le ultime vicende politiche  e istituzionali del finto rottamatore: Matteo Renzi a giorni diventerà presidente del consiglio senza essersi mai confrontato con il popolo italiano, se non con quello di Firenze, che lo ha eletto prima presidente della provincia e poi sindaco del Comune fiorentino.
Non √® questa la sede per argomentare la pagliacciata istituzionale che Renzi sta portando a termine. Quello che ci¬†sta a cuore, come sempre, √® la politica locale. In particolare, domandiamo al presidente del consiglio comunale di Crotone nonch√© renziano convinto, Arturo Crugliano Pantisano, che idea si √® fatto del suo leader politico a seguito delle vicende degli ultimi giorni? Qual √® la sua opinione sulla formazione di un nuovo governo che¬†bypassa gli elettori?¬†E’ o non √® deluso da un uomo, ancor prima di un politico, che ha sempre predicato il Nuovo che Avanza¬†e ora sto stipulando accordi alla¬†vecchia maniera con Berlusconi?
Presidente Pantisano, leggendo le nostre domande potrebbe fornirci una risposta in politichese affermando che “il Paese ne ha bisogno”. Anticipando la sua eventuale e prevedibile¬†risposta, vogliamo sottolineare che il Paese non ha bisogno di questi governi, dei governi di nessuno,¬†che non rispondono a un elettorato ben preciso ma¬†a¬†forza politiche che durante le campagne elettorali erano contrapposte e dopo¬†le elezioni¬†hanno deciso di coalizzarsi.¬†Larghe intese, coalizioni e¬†ammucchiate in nome della responsabilit√†, in nome de “il Paese ne ha bisogno”, ma che in realt√† celano soltanto un obiettivo: la conservazione del potere, suppure con cani e porci.

Stanchi dei Soliti

Politica Crotone: i giovani nei partiti? Parentopoli e sfruttamento

Politica=Familiarismo
Politica=Familiarismo

¬†“I giovani attivisti di Crotone e non solo: quando non sono familiari dei dirigenti, sono manovalanza per l’apertura dei gazebo o per sventolare le bandiere durante i comizi”

Il buon senso richiede che la partecipazione di un individuo all’interno di un’organizzazione politica sia frutto di una condivisione morale dell’organizzazione stessa; condivisione che pu√≤ avere come oggetto i valori dell’organizzazione oppure, semplicemente, l’operato amministrativo di quel partito o movimento politico che governa l’intero paese o il singolo ente locale. In altre parole, possiamo affermare che il buon senso richiede che un giovane parteci ad un partito perch√© quest’ultimo √® in linea con i suoi valori oppure perch√© condivida il suo operato durante i periodi di attivit√† governativa. Continua a leggere