Crotone e beni culturali: un tesoro disprezzato


Introdurre un argomento come quello dei Beni Culturali comporta delle difficoltà intrinseche, a causa dei vari approcci che si possono avere nell’accostarsi ad un tema tanto complesso, a cui intendo guardare come ad un’eredità che si tramanda.

Due aree: una naturale, l’altra cementificata
Due aree: una naturale, l’altra cementificata

Oggi l’Italia conta milioni di cittadini eredi di un’incommensurabile fortuna, ma cattivi amministratori. La storia Italiana ha tessuto una tela consistente di beni mobili e immobili, tanto che il territorio nazionale è unico nel suo genere. Insomma un paesaggio culturale che necessita valorizzazione e protezione da parte dello Stato e degli enti complementari. Al fine di comprendere l’attuale disciplina sui beni culturali e ambientali del nostro Paese occorre dire, in prima analisi, che la potestà legislativa in materia spetta allo Stato, il quale ha provveduto ad emanare il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, nel maggio del 2004.

 
Grazie all’articolo 9 della Costituzione che recita “la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”, la funzione pubblica di tutela del patrimonio culturale e ambientale assurge alla massima dignità legislativa. Purtroppo, nonostante la vasta materia giuridica in tema di beni culturali che “sulla carta” appare foriera di buone intenzioni nell’applicazione pratica risulta priva di piena efficacia. Un caso pratico, che mette in evidenza questi limiti, riguarda il sito archeologico di Capo Colonna, dove l’incompetenza o lo scarso interesse per le identità culturali del territorio crotonese avrebbe portato alla “quasi” distruzione di un luogo ricco di storia. Al di là dei particolari della vicenda, ancora nient’affatto conclusa, si sono visti i suddetti limiti della disciplina: in particolare da parte delle amministrazioni locali e non solo, nell’ applicare con oculatezza le normative vigenti in materia di beni culturali ma anche nel dare una risposta veloce ed efficace alle nefandezze che si stavano consumando. Il tutto perché, in Italia, buona parte delle classi dirigenti non considerano la cultura e la natura come risorse per lo sviluppo, bensì ornamenti in grado di qualificare il contesto produttivo da cui dipende la ricchezza reale, ma non certo di modificarlo o orientarlo.

Secondo questo concetto, cultura e ambiente non solo non producono ricchezza materiale, ma addirittura la consumano e quindi vengono tagliate le risorse destinate a questi settori e vengono attenuati gli strumenti per la tutela perché considerati vincoli dannosi per l’economia. Questo fa a pugni con una dichiarazione di Massimo Carcione, secondo il quale la cultura potrebbe rientrare nel concetto di “Diritto alla Felicità” contenuto nella Costituzione degli Stati Uniti d’America, siccome rappresenta il diritto dell’uomo alla propria storia, coscienza, dignità e libertà ovvero tutto ciò che ci distingue dagli altri esseri viventi. Ad esempio, l’archeologia serve ad interrogarci sul nostro passato, a ricercare la nostra identità. Uno scrittore inglese, George Gissing, spinto sullo Ionio dalle dall’amore per l’antichità classica, intendeva rivedere i luoghi citati da personaggi quali Orazio o come Pitagora. Ma arrivato a Crotone esclama: «Che ne è stato delle rovine di Crotone? Nella squallida città di oggi non resta traccia dell’antichità». Contrappose il presente al passato, questo paese assetato e malarico alla grande città che, un tempo, aveva nome di essere la più salubre del mondo. Cosa impariamo? Molte delle nostre antichità sono disperse per il mondo, queste si sono salvate ma hanno perso la loro identità. Non è possibile e non è utile smembrare il patrimonio per portarlo altrove e disseminarlo in giro per l’Europa. Il vero museo non è composto solo da oggetti ma dai luoghi, dai siti, dalle montagne, dalle relazioni tra gli oggetti. Si parla del contesto. L’opera d’arte può essere trasportabile, il contesto no. Il museo di cui parlo è il museo a cielo aperto fatto di luce, colori e tradizioni. Cicerone diceva che le statue trasportate a Roma dalla Grecia non erano più così belle perché perdevano il loro valore. Sicuramente il museo a cielo aperto comporta l’idea che il tessuto sociale, civile, commerciale della città non cambierà mai. Ma la solennità che si prova nel trovarsi in sito archeologico e di vedere le nostre antichità “incastonate” nel quadro naturale, ci fa viaggiare con la mente e ci fa pensare cosa avveniva li su quell’erba che calpestiamo, o quali parole venivano pronunciate da Pitagora su quel promontorio sacro. Osservare le opere nel contesto naturale, permettetemelo, è tutta un’altra storia! Purtroppo Crotone stenta ad essere considerata un punto autorevole dell’archeologia. Il materiale disperso viene comunque seguito non è abbandonato. Se, al contrario, distruggiamo il nostro passato e sperperiamo la nostra ricchezza, beh una volta distrutti non ne siamo più padroni! Quindi dobbiamo continuare ad avere fiducia nel futuro della conoscenza di questa città, e dobbiamo capire che solo la cultura può renderci competitivi. Crotone è una città che è sempre esistita e che ha secoli di cambiamenti alle spalle. La descrizione di questa nostra realtà attuale offre un panorama in cui le conoscenze in materia, cui corrispondono le competenze istituzionali, appaiono frammentate. Al soprintendente (storico-artistico, architettonico, archeologo, archivistico, bibliotecario) non si affiancano gli esperti del diritto dei beni culturali, della comunicazione o gli economisti della cultura. Nel settore del patrimonio culturale italiano, le conoscenze complessive legate alla gestione e le figure istituzionali sono distinte. La patologia di cui sto parlando, risiede nel fatto che non vi è dialogo tra le discipline , tra l’esperto e l’opinione pubblica. Per divenire, perciò, una virtuosa specializzazione deve aprirsi alla collaborazione tra ogni diversa figura professionale.

Vanessa Vasapollo
per Stanchi dei Solitilogo-stanchi-dei-soliti gra

Annunci

Dicci cosa ne pensi !

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...