Ecco cosa significa un posto fisso a Crotone

Com癡 noto, assumere a tempo indeterminato 癡 lincubo dei datori di lavoro in quanto hanno estreme difficolt di licenziamento anche qualora sussistano ragioni che dovrebbero comportare lobiettiva cessazione del rapporto di lavoro. Un esperto di diritto del lavoro mi direbbe che il giustificato motivo soggettivo e la giusta causa di licenziamento mirano a tutelare il datore di lavoro sotto questo aspetto. Il problema 癡 che tali ragioni si basano sullinterpretazione dei giudici e spesso questultimi tendono ad avvantaggiare il lavoratore, anche quando esso 癡 tuttaltro che incolpevole.

Il posto fisso e la meritocrazia a Crotone

Per molti aspetti il posto fisso rappresenta uno dei problemi principali anche nella pubblica amministrazione, soprattutto dalle parti di Crotone, dove la maggior parte dei dipendenti (ma per fortuna non tutti) di Comune e Provincia lavorano in modo del tutto svogliato: ogni loro operazione 癡 funzionale a togliersi dai piedi lutente, come se questultimo fosse un problema da risolvere in fretta; laltra faccia della medaglia, invece, rappresenta lestremo opposto: fra utente e dipendente pubblico comincia un dialogo senza fine che non ha per oggetto i problemi o le eventuali strategie di sviluppo dellente, bens穫 la pietanza che la signora ha cucinato per pranzo oppure i risultati della domenica calcistica appena trascorsa (tutto ci簷 mentre dietro la porta dellufficio c癡 una fila interminabile).
Il tanto mi pagano lo stesso 癡 sempre pi羅 in vigore ed 癡 inconcepibile che non ci siano dei forti strumenti di licenziamento per chi non fa il proprio dovere come dovrebbe.
Sul fronte opposto si pone il problema del contratto a termine, della flessibilit in entrata. Dal punto di vista sostanziale potremmo persino considerarla incostituzionalein quanto limiterebbe fortemente la libert di voto dei lavoratori qualora il datore di lavoro decidesse di fare politica. Noi crotonesi di imprenditori (spesso di supermercati) che consigliano ai propri dipendenti di votare un determinato candidato ne conosciamo abbastanza; ed 癡 risaputo che il consiglio si traduce in un obbligo, in quanto verrebbe meno il rinnovo del contratto se il lavoratore dovesse opporsi.
Dovremmo trovare il punto di incontro fra i due problemi, assicurando ai datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato forti poteri di licenziamento per i dipendenti che obiettivamente non svolgono in modo adeguato il loro mestiere, e allo stesso tempo garantire ai lavoratori la possibilit di opporsi ad eventuali pretese degli imprenditori, attraverso la possibilit di optare fra tanti altri posto di lavoro anche a termine (condizione essenziale affinch矇 tanti datori di lavoro siano disposti ad assumere).
Ci auguriamo che la manovra Monti tuteli il lavoratore rendendo libero di scegliere e che, contemporaneamente, faccia s穫 che i datori di lavoro possano sbarazzarsi dei loro dipendenti negligenti. La meritocrazia 癡 un nostro valore, perch矇 non garantire un posto di lavoro a chi davvero se lo merita?

Andrea Arcuri

Stanchi dei soliti