Regione: 癡 di nuovo inciucio tra PD e centrodestra. Oliverio regala poltrona a Gentile

L’inciucio 癡 nato in Calabria. E’ ormai una pratica che nessuno ha intenzione di interrompere, tanto meno il neo governatore Oliverio. Se in campagna elettorale aveva garantito nessun accordo con il centrodestra, due mesi dopo la realt 癡 un’altra

Tonino Gentile e Mario Oliverio
Tonino Gentile e Mario Oliverio

La Calabria che non cambia mai, neanche col dichiarato comunista di Mario Oliverio. Aveva promesso ai calabresi una cosa su tutte: nel mio governo, non ci saranno inciuci. Come non detto. Nemmeno due mesi dopo, alla proclamazione dellamministrazione regionale, il PD di Renzi e Oliverio si accorda, clandestinamente, con lNCD dei fratelli Gentile. Noti al grande pubblico per la loro potenza elettorale, che in passato fu in grado di bloccare luscita di un giornale per notizie poco gradite sul figlio di Tonino. Qualche mese fa invece, poco prima delle elezioni di novembre, Tonino e lNCD calabrese, si recarono direttamente nella sede romana del PD per esternare la propria indignazione per la mancata alleanza. Oggi scopriamo che linciucio ci fu, o quantomeno c癡 stato in seguito. Pino Gentile 癡 stato eletto vicepresidente del Consiglio, grazie a 5 voti provenienti dalla maggioranza di Oliverio. Un regalo a uno degli uomini pi羅 votati nellultima tornata (circa 13.000 preferenze), che mette da subito in chiaro una cosa: questo nuovo consiglio 癡 tale e quale a quello di Loiero, ma anche di Scopelliti. Considerata la schiacciante maggioranza ottenuta dal centrosinistra, e la debacle di Forza Italia e del centrodestra tutto, questa nomina si sarebbe potuta evitare. E dunque evidente la sigla di un accordo. Quello che non si conosce 癡 il peso, la contropartita. Perch矇 Oliverio ha ordinato ai suoi di votare Gentile, quando avrebbe potuto eleggere, tranquillamente, uno di casa sua? A questa domandapotr rispondere solo il tempo, intanto la certezza unica 癡 che la Calabria 癡 per lennesima volta nelle solite mani sbagliate. La curiosit 癡 capire cosa ne penser Matteo Renzi.

Stanchi dei Soliti
Seguici su Facebook e su Twitter

logo-stanchi-dei-soliti gra