Ma i voti di Sculco puzzano s√¨ o no?

PD-federazione-Crotone-simbolo
Il Pd e Sculco

Lo si domanda¬†ai cittadini e alla politica¬†nonch√© alla stampa che pare non avvertirne lo sgradevole odorino: i voti di Enzo Sculco puzzano s√¨ o no? Se la risposta √® no, nessun problema: l’importante √® essere chiari e metterci¬†la faccia oggi per domani; se s√¨, non basta dirlo ma disamorarlo sul campo attraverso prese di posizione nette e senza nascondersi come fanno alcuni che, all’occorrenza, dicono bene e male dei Demokratici e degli Sculco.

Enzo Sculco mantiene la citt√† per i capelli; lui √® la chiave finale del puzzle della maggioranza. I suoi voti sono determinanti e la sua fama lo precede: pluricondannato e strafottente. Appartiene a quella vecchia politica del voto impegnato. Uomo poco limpido viste le condanna (l’ultima lo vede costretto a risarcire la Provincia di Crotone con 11.000 euro)¬†e nonostante ci√≤, per la figlia Flora che campa coi suoi voti, il padre non apparterrebbe alla vecchia politica, quella che ha gi√† dato e dato male. Difatti, in un’intervista ad Esperia TV, ha detto: la citt√† non ha bisogno di chi ha gi√† dato ma di chi vuole dare slancio al territorio (e bla, bla, bla, bla ndr). Insomma, la figlia Flora vorrebbe farci capire¬†che il padre non apparterrebbe a quella politica che ha ostacolato lo sviluppo del territorio? Qualcuno le dica che siamo di Crotone e non di Vattelappesca.

Stanchi dei Soliti